Giornata della madrelingua: riflessioni del vicepresidente Tommasini

di enrico - 19 February 2010
tags interni:

In occasione della Giornata mondiale della madrelingua, che ricorre il 21 febbraio, il vicepresidente della Provincia di Bolzano Christian Tommasini sottolinea l’importanza, da un lato, della conoscenza linguistica e competenza comunicativa nella lingua materna e, dall’altro, dell’impegno per apprendere la seconda lingua ed altre lingue per giungere effettivamente ad una società plurilingue.

Tutela della lingua: Ogni lingua, oltre a trasmettere un patrimonio culturale, rende visibile l’evoluzione di tale patrimonio e lo studio della storia della lingua italiana permettendo così di interpretare meglio il presente per poter guardare con maggiore consapevolezza al futuro.

Tutelare la nostra lingua è fondamentale. Per questo sosteniamo e promuoviamo diverse iniziative che vedono il coinvolgimento dei giovani e di tutta la cittadinanza, oltre che di diverse istituzioni culturali territoriali e non, la scuola, l’extrascuola, i Centri giovani della Provincia, le biblioteche.

“L’italiano in movimento”, ad esempio, è un progetto sviluppato in collaborazione con l’istituto pedagogico in lingua italiana e l’accademia della Crusca, referente scientifico, che ha come obiettivo la promozione e diffusione della conoscenza linguistica e della competenza comunicativa per sviluppare un approccio attivo, consapevole e critico alla comunicazione, attraverso una serie di iniziative rivolte ad un pubblico esteso e con un’attenzione speciale ai giovani e alle scuole.

Abbiamo inoltre firmato una convenzione con la Società Dante Alighieri, un progetto, “Talenti export”, di collaborazione quinquennale per tutelare, accrescere, diffondere e promuovere la conoscenza della lingua, della cultura e della creatività italiane in ambito nazionale ed internazionale promuovendo varie iniziative. Il primo progetto (“talento”) sostenuto ha permesso all’artista bolzanino Ivan Marignoni di fare una mostra fotografica “Dispersioni”, che ha avuto luogo a Berlino dal 7 ottobre 2009 alla fine di dicembre 2009 nei locali dell’Istituto di Cultura, presso l’Ambasciata italiana.

Con “Cantiere delle Parole abbiamo invece dato la possibilità ai ragazzi e all’intera comunità di incontrare alcuni autori di letteratura per discutere e confrontarsi sui classici della letteratura italiana. Questo progetto ha reso possibile una presa di coscienza e una riflessione sul valore della lingua italiana.

Importanza di vivere in una realtà plurilingue: Sono convinto che il futuro di questa terra sia un futuro plurilingue.

Sempre più famiglie percepiscono il valore dell’apprendimento della seconda lingua fin dalla prima infanzia, non solo come necessità per trovare un lavoro, ma come reale opportunità di sentirsi a casa propria ed essere protagonisti dello sviluppo della nostra terra.

Sono numerosi i progetti che vengono già oggi realizzati nelle nostre scuole: insegnamento della seconda e terza lingua già dalla scuola d’infanzia, un anno in L2, soggiorni studio all’estero sono solo alcuni esempi.

Per il futuro puntiamo ad un potenziamento generalizzato della didattica plurilingue a tutti i livelli ed un maggior coinvolgimento della società nel suo complesso.

Per formare cittadini davvero plurilingui la scuola può  infatti  fare molto, ma sono necessari anche progetti extrascolastici che favoriscano l´incontro fra i ragazzi di tutti i gruppi linguistici nella vita di tutti i giorni, per esempio nei centri giovanili”.

Per raggiungere l’obiettivo di una società plurilingue, occorre dunque l’impegno di tutti: della politica, della scuola, dei genitori, del mondo della cultura. In questa direzione vogliamo impegnarci.

(Comunicato integrale dell’Ufficio stampa della provincia di Bolzano)

tags esterni:

Kolipsi

di enrico - 26 November 2009
tags interni:, , , , , ,

Kolipsi

Queste due grandi tabelle grafiche, che sembrano assomigliarsi  (ma in realtà sono abissalmente distanti l’una dall’altra) sono state illustrate all’EURAC  in occasione della presentazione dei risultati della ricerca KOLIPSI, Gli studenti altoatesini e la seconda lingua: indagine linguistica e psicosociale“.
Si tratta di una indagine di tutto rilievo che, come sottolineato dal presidente EURAC  Werner Stuflesser, ” fornisce alla Provincia informazioni utili per una politica delle lingue innovativa e orientata al futuro ”. Condotta su un campione di 1200 studenti del quarto anno di scuola superiore equamente distribuiti tra scuole italiane e tedesche, la ricerca, nella sua parte condotta con una analisi di tipo linguistico, ha classificato le competenze nella seconda lingua secondo i criteri del quadro comune di riferimento europeo per le lingue (ecco qui la descrizione della scala delle competenze comuni).

I grafici si riferiscono appunto ai risultati delle prove scritte somministrate ai 1200 studenti e ci danno una informazione neutrale rispetto alle forme di accertmento linguistico che risentono del contesto locale (quali i certificati di patentino di bilinguismo).

La grande differenza, evidenziata dai grafici, fra gli studenti delle scuole italiane e gli studenti delle scuole tedesche nella conoscenza della rispettiva seconda lingua tedesca e italiana sta nel fatto che il livello di bilinguismo degli studenti tedeschi è B1/B2, mentre per gli studenti italiani il livello è nettamente piu’ arretrato a A2/B1.

La seconda parte, quella di tipo sociolinguistico della ricerca, ci fornisce poi un altro dato importante che documenta l’uso prevalente delle lingue nei gruppi e nell’ intragruppo:

  • nei gruppi misti italiani e tedeschi si usa prevalentemente la lingua italiana;
  • nei gruppi omogenei italiani si usa prevalentamente la lingua italiana;
  • nei gruppi omogenei tedeschi si usa prevalentemente il dialetto sudtirolese.

Quello che sembra mancare quindi è un contesto d’uso del tedesco standard, rispetto al quale comunque gli studenti italiani hanno competenze linguistiche non adeguate. “I risultati sottolineano come per molti studenti, soprattutto di lingua italiana (28%), la partecipazione attiva alla quotidianità altoatesina nella seconda lingua sia resa difficoltosa da una competenza linguistica ancora di livello elementare“, ha chiarito la ricercatrice Andrea Abel.
In realtà il livello di competenza comune capace di attivare di una buona comunicazione nella vita di tutti i giorni tra ragazzi italiani e tedeschi è il B2, e questo livello è molto basso proprio fra gli studenti italiani.

Le politiche che puntano sull’apprendimento linguistico  fuori dalla scuola sono dunque avvisate: senza un certo livello comune di competenza i ragazzi probabilmente non riusciranno a parlarsi proprio fuori dalla scuola. Questo livello di competenza di base (B1/B2), che gli studenti tedeschi già possiedono, la scuola dovrebbe darlo anche agli studenti italiani che oggi sono attestati al piu’ basso livello A2/B1. Pensare che la scuola non possa fare piu’ di quello che già fa per gli studenti italiani sembra un po’ giocare al ribasso.

La ricerca Kolipsi nel suo complesso ha evidenziato con una certa chiarezza che una delle questioni  centrali è il contesto d’uso delle lingue. Possiamo ipotizzare che  per gli studenti italiani la scuola potrebbe essere un grande contesto d’uso del tedesco, se si pianificasse una didattica ad immersione linguistica in cui una grande parte delle materie fosse trattate direttamente nella seconda lingua (che è difficile usare fuori) e se questo fosse fatto fin dai primi anni di scuola. Una scuola del genere potrebbe portare studenti italiani e tedeschi a pari livello.

tags esterni:, , , , , ,

Il programma della Giunta uscente

di enrico - 7 December 2008
tags interni:, , , ,

Per qanto riguarda le lingue, il programma di coalazione per la XIII legislatura (presentato dalla Giunta provinciale al Consiglio provinciale dell’Alto Adige il 12.12.2003), prevedeva questo:

La Giunta provinciale di Bolzano - XIII legislatura

“Il bilinguismo ed il trilinguismo reale nella nostra provincia costituiscono un grande vantaggio. E’ chiaro a tutti che la conoscenza delle nostre lingue e naturalmente anche di altre lingue rappresenta una ricchezza ed una grande chance nella vita sociale e culturale. In particolare, nei servizi di interesse pubblico, tale principio deve essere considerato preminente. La provincia proseguirà nel favorire la migliore conoscenza delle lingue potenziando le offerte di attività extrascolastiche nelle due lingue e migliorando ulteriormente la qualità didattica nelle scuole. È volontà del governo provinciale che ogni ragazzo e ragazza rafforzi la propria madrelingua e al contempo la scelta di frequentare la scuola nell’altra lingua non deve essere vista come l’unica opportunità per diventare cittadino e cittadina bilingue. In particolare la scuola di lingua italiana continuerà ad impegnarsi per garantire ai propri studenti e studentesse un buon apprendimento della seconda lingua e verrà sostenuta dal governo provinciale in questo progetto.

Per favorire la convivenza e la piena uguaglianza tra cittadini e tra gruppi linguistici è importante conoscere le lingue. A tale proposito verranno intensificati gli sforzi negli anni futuri, in particolar modo per quanto riguarda la conoscenza della lingua tedesca e di quella italiana. Verranno accolte, nuove possibilità e metodologie per il miglioramento delle conoscenze linguistiche anche con percorsi didattici differenziati per le scuole dei singoli gruppi, sempre nel rispetto delle diverse identità. Bisogna però prendere atto che in una terra dove si parlano due lingue non si può demandare ad una sola istituzione il compito di formare cittadini e cittadine bilingui e trilingui, vanno assunte iniziative anche oltre la scuola, rendendone consapevoli le famiglie e le parti sociali, vanno trovate formule ancora più incisive.

Chiederemo inoltre che nei concorsi pubblici, qualora un candidato scelga di sostenere l’esame in lingua diversa da quella del gruppo a cui ha dichiarato di riferirsi, almeno una prova scritta venga sostenuta nella lingua del gruppo di riferimento, in tal modo rafforzando il diritto all’uso della madre lingua nel settore pubblico. Sarà nostra premura attuare la sentenza della Corte europea di giustizia riguardante le commissioni per gli esami di bi- e trilinguismo, adeguando, in tale ambito, ove necessario, i criteri di difficoltà.”

Un punto scritto molto bene e molto calibrato. La nuova coalizione di Giunta per la prossima legislatura potrebbe riproporlo identico, parola per parola, a questo punto. Che cosa ne dite?

tags esterni:, , , ,

Riccardo Dello Sbarba

di enrico - 11 April 2008
tags interni:, , ,

Riccardo Dello Sbarba, Presidente del Consiglio provinciale di Bolzano

Della discusssione nel Consiglio della provincia autonoma di Bolzano sul disegno di legge 147/07/XII Obiettivi formativi generali ed ordinamento della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione ci sono ottimi resoconti nelle news del Consiglio provinciale.

Efficace l’intervento di Riccardo Dello Sbarba, del gruppo Verde e Presidente del Consiglio stesso.
Ecco alcuni passaggi tratti dalle news.

“La Giunta dovrebbe rispettare l’autonomia delle scuole, ed invece in questo dlp si rimanda a decisioni dell’esecutivo provinciale per ben 39 volte! Bisogna riconoscere che la sovranità è di cittadini e cittadine, e che le istituzioni servono a regolare solo ciò che questi, o gli enti a loro più vicini, non riescono a regolare”. Anche la possibilità di provare nuovi metodi di insegnamento della lingua potrebbe essere determinata nel dettaglio dalla Giunta. Dello Sbarba ha rilevato l’apertura di Brugger a classi con insegnamento plurilingue, e quella di Durnwalder verso sezioni in lingua tedesca nelle scuole italiane: “Questi due alti esponenti SVP devono riconoscere che bisogna fare un passo in direzione del pluriliguismo, già attuato da Università e Claudiana oltreché da scuole pubbliche e private con le sperimentazioni: bisogna poter offrire a chi vuole, lasciando intatta la scuola in madrelingua, un’alternativa bi- o trilingue, dove tutto l’ambiente sia tale: le sperimentazioni attuali sono infatti inserite in un contesto monolingue, e sappiamo che il contesto generale è particolarmente importante”. [Riccardo Dello Sbarba è anche estensore materiale della presa di posizione riportata qui].
“La strategia linguistica dei due tempi, ovvero prima imparo la mia lingua e poi quella degli altri”, ha detto Dello Sbarba, “non ha nulla di scientifico: più piccoli sono i bambini, meno fatica fanno”. Ha aggiunto che molti politici che difendono la scuola nella madrelingua mandano poi i figli nella scuola dell’altra lingua: “Allora il monolinguismo vale per il popolo, mentre pochi eletti fanno fare ai loro figli la scelta che li renderà vincenti”. Ci sono, è vero, momenti in cui i bambini hanno crisi linguistica: “I linguisti confermano però che nella fase di apprendimento di una nuova lingua, c’è un momento in cui si va nel panico, si ha un blocco, ma poi si riparte”. Ha chiesto dunque di non sprecare un’occasione preziosa per una questione ideologica, costringendo le famiglie ad arrangiarsi (…) Ha detto di non concordare con chi, parlando solo italiano in famiglia, manda il figlio nella scuola tedesca: ci vuole precauzione, ma in ogni caso non si può vietare. Per evitare queste sperimentazioni fai da te, l’unica soluzione “non è vietare questa cosa, ma valorizzare il bisogno di bilinguismo offrendo una scuola che faccia del confronto interculturale ed interlinguistico la propria missione fondamentale.

Ho indicato in grassetto alcuni dei punti importanti del discorso di Dello Sbarba:

  • il riconoscimento di aperture che già ci sono (Brugger, Durnwalder)
  • la condivisione dell’idea di una scuola che possa avere come mission la madrelingua (per la minoranza)
  • l’importanza del contesto generale
  • l’importanza delle lingue parlate in famiglia nella scelta della scuola
  • l’idea che la mission fondamentale per tutte le scuole sia quella del confronto interlinguistico e interculturale.

Per la metà dei temi in grassetto io stesso sono completamente d’accordo, per il resto dissento, talora vedo qualche contraddizione, ma la presa di posizione di Riccardo dello Sbarba è senz’altro fra quelle piu’ attente e consapevoli delle dinamiche attuali.

E, notizia degli ultimi giorni, Riccardo ha aperto un blog personale, da visitare assolutamente. Penna eccellente dentro il sistema dei media formali, con il suo blog Riccardo di certo non manca all’appuntamento con la redazione diffusa.

tags esterni:, , ,

Brugger in visita a Supertoll

di enrico - 10 April 2008
tags interni:, ,

Direttivo e collaboratori della cooperativa Supertoll incontrano Siegfried Brgger e Ingeborg Bauer Polo

L’onorevole Siegfried Brugger e la prof.ssa Ingeborg Bauer Polo hanno incontrato oggi il direttivo e i collaboratori della Cooperativa Supertoll. All’incontro, su invito nella sede di via Fiume a Bolzano, era presente, assieme alla Presidente Claudia Masera, anche Elena Artioli, socia fondatrice e fervente animatrice di tutte le attività della cooperativa. Fondata lo scorso anno, la cooperativa Supertoll ha già raccolto circa 900 adesioni e iscrizioni al sito online.

Nel corso dell’incontro nella sede di via Fiume sono state illustrate in primo luogo le motivazioni che hanno portato alla costituzione della cooperativa, nata per dare un contributo concreto alla conoscenza delle lingue in Alto Adige attraverso iniziative di incontro e contatto fra persone di lingua diversa, sia giovani che adulti. Alcuni dei servizi offerti da Supertoll sono infatti:

  • lo scambio linguistico fra le famiglie;
  • lo scambio linguistico fra giovani e adulti;
  • le esercitazioni per il patentino;
  • il sostegno linguistico e il servizio traduzioni.

L’idea di fondo, alla base di tutte queste iniziative, è che per la conoscenza delle lingue si possa fare molto proprio al di fuori della scuola, soprattutto coinvolgendo gli adulti e facendo incontrare i ragazzi.

Il lavoro nelle scuole resta fondamentale in ogni caso, hanno detto Claudia Masera e Elena Artioli, soprattutto se le scuole punteranno ad essere sempre più specializzate.
A questo proposito Brugger ha sottolineato la necessità che la scuola tedesca continui ad attribuire la massima importanza all’apprendimento della madrelingua e che la scuola italiana, allo stesso tempo, si specializzi sempre meglio nella didattica della seconda lingua, progettando e realizzando anche sperimentazioni nuove. Tutto questo può essere realizzato senza necessità di modifiche legislative.
Ingeborg Bauer Polo ha sottolineato il valore della conoscenza delle lingue per ogni tipo di scuola.

tags esterni:, ,

Gruppi linguistici (convenzionali) vs. madrelingua

di enrico - 27 January 2008
tags interni:, ,

Alexander Langer

Lo Statuto di autonomia per il Trentino Alto Adige è costruito sul principio della distribuzione proporzionale delle risorse tra i gruppi linguistici, un principio che presuppone in ogni caso il conteggio nominativo delle persone in relazione ai gruppi linguistici.
Tutto cio’ non impedisce che i “gruppi linguistici” definiti dallo Statuto di autonomia, presentino caratteri di convenzionalità. Infatti, la ricognizione degli appartenenti ai diversi gruppi non è definitiva, ma viene aggiornata ogni dieci anni, indipendentemente dalle dichiarazioni precedenti.
E stato inoltre introdotto il concetto di “aggregazione” per consentire ai plurilingue e la tutte le persone di lingua diversa da quelle ufficialmente codificate, di aderire “convenzionalmente” ad un gruppo linguistico.
Infine, la norma che la SVp ha annunciato di avere allo studio allo scopo di prevedere una dichiarazione ad hoc per le candidature alle elezioni (norma elettorale) marca il carattere “convenzionale” dei gruppi linguistici.

Il convenzionalismo introdotto, paradossalmente cerca di salvare l’idea che l’appartenenza linguistica sia un dato oggettivo piuttosto che una questione personale e soggettiva. E’ comunque orientato a mantenere il sistema della distribuzione proporzionale delle risorse in Alto Adige.

Un passo importante nella direzione opposta - e cioè verso la personalizzazione del concetto di appartenenza linguistica - è stato compiuto negli anni ‘80 da Alexander Langer anche attraverso un ricorso in Consiglio di Stato.

Langer era stato escluso dall’insegnamento in provincia di Bolzano proprio perchè non non aveva dichiarato l’appartenenza linguistica al censimento 1981.
Al tempo per insegnare o per trasferirsi a Bolzano da scuole di altra provincia era richiesta proprio la dichiarazione di appartenenza linguistica resa al censimento, che doveva essere corrispondente alla lingua di insegnamento della scuola prescelta. Langer pero’ si accorse che l’articolo 19 dello Satuto di autonomia, diceva diversamente e precisamente:

“Nella provincia di Bolzano l’insegnamento nelle scuole materne, elementari e secondarie è impartito nella lingua materna italiana o tedesca degli alunni da docenti per i quali tale lingua sia ugualmente quella materna.”

Pertanto, argomento’, il concetto di riferimento nella scuola non è il gruppo linguistico, cosi’ come dichiarato al censimento (elemento oggettivo/convenzionale), ma la lingua materna dell’insegnante (elemento personale e soggettivo).

La sentenza a suo favore ha cambiato dagli anni 80 l’intera procedura di assunzione degli insegnanti di Bolzano: oggi essi dichiarano semplicemente con proprio atto notorio la propria “madrelingua”, avendo come metro solamente se stessi e questo indipendentemente dalle loro precedenti decisioni in sede di censimento.
Il passaggio dal concetto di “gruppo linguistico” a quello di “madrelingua”, scovato nelle pieghe dello Statuto di autonomia, è stato un contributo importante nella direzione della personalizzazione della appartenenza linguistica, per Langer avrebbe dovuto essere soprattutto un contributo allo smantellamento di quelle lui chiamava “gabbie etniche”, cioè dell’idea di gruppo linguistico come dato oggettivo (oggi sempre piu’ convenzionalmente assunto come dato oggettivo).

tags esterni:, ,

Integration of the Majority Population

di enrico - 8 January 2008
tags interni:, ,

Il Presidente della FUEV, Hans Heinrich Hansen, accompagnato dalla vicepresidente Martha Stocker, ha incontrato a Bolzano il 7 gennaio 2008 il presidente della Provincia Luis Durnwalder e si è informato della situazione locale della minoranza tedesca e di quella ladina, in maniera particolare per ciò che riguarda la tutela dell’uso della propria madrelingua (Vedi comunicato stampa della Provincia).

L'incontro fra Hansen e Durnwalder (foto Ufficio Stampa provinci adi Bolzano)
L’incontro fra Hansen e Durnwalder

La Fuev (in Ingese Fuen: Federal Union of European Nationalities) è una organizzazione che così descrive i propri obiettivi nel proprio Statuto :

The object of the FUEN is to preserve national and regional characteristics, languages, cultures and the rights of ethnic groups as a whole and their members in particular, and also to create an internationally recognised code of rights of these ethnic groups.

Nonostante in passato si siano registrate critiche anche feroci nei confronti di questa organizzazione ( si veda per esempio: Zendron e la Interrogazione 5764/97 in Consiglio Provinciale a Bolzano, la Regione Trentino Alto Adige sostiene anche finanziariamente la Fuev con una quota di 30.000 Euro all’anno (vedi la relativa delibera del 2006).

Sfogliando la documentazione in rete, ho comunque trovato un testo decisamente interessante dal titolo: The Right to Education for the Autochthonous, National Minorities in Europe. Si tratta di una serie di punti discussi e poi approvati al termine del 52esimo congresso annuale Fuen, che si è tenuto a Tallin, in Estonia, dal 16 al 20 maggio 2007. Riporto il paragrafo secondo me più rilevante:

INTEGRATION OF THE MAJORITY POPULATION

To comply with one of the education objectives from the legal documents – stimulating tolerance, dialogue and understanding – it is necessary in the education systems not only to teach knowledge about the culture, language, history, religion and traditions
amongst the minority, but also amongst the majority population. The application of the right to education thus includes both the minority as well as the majority population.

1. The education system of a state must teach knowledge about the minorities that live in this state also to the majority population, in particular through the subjects of history, economics/politics, art, music and literature.

2. E Education systems must comply with the requirements of the society of today. The intercultural perspective in the curricula is required to create interaction between persons belonging to minority and majority and to stimulate the development of the own identity and to ensure understanding for other identities.

3. The learning of the minority language by the majority population living in the area of settlement of a minority must be aimed at, so that the majority also can use the advantages of early bi- and multilingualism.

4. A condition for this is an appropriate language policy, which encourages to learn the minority language.

In definitiva, ci dice la Fuen, la tutela delle minoranze in Europa passa anche attraverso azioni di integrazione linguistica delle maggioranze, attraverso l’adozione di una prospettiva multiculturale, lo sviluppo del bi-multilinguismo precoce e la messa a punto di adeguate politiche linguistiche.

Tutte cose che in Sudtirolo sembrano essere tiepidamente considerate, se non a volte addirittura ostacolate. Peraltro a Bolzano manca del tutto l’idea che il multilinguismo possa essere sostenuto attraverso l’adozione di strategie linguistiche consapevoli, definite sul piano della progettazione politica. Molto, dice spesso lo stesso Durnwalder, dipende dalla buona volontà dei cittadini, mostrando così un chiaro atteggiamento prepolitico su tale argomento.

tags esterni:, ,

21 febbraio 2007 - Giornata Internazionale della lingua madre

di enrico - 22 February 2007
tags interni:,

In occasione della Giornata Internazionale della Lingua Madre, il 21 febbraio 2007 Koichiro Matsuura, Direttore Generale dell’Unesco lancia un appello affinché siano promosse strategie linguistiche nazionali e regionali per costruire un ambiente armonioso per tutte le lingue del mondo.

In un mondo in cui l’universale ed il locale si incrociano e devono interagire in modo armonioso, i concetti di “madre lingua” e “multilinguismo” diventano strutturalmente complementari, ha affermato Koichiro Matsuura.
L’UNESCO si sforza di promuovere il multilinguismo, soprattutto in ambito scolastico, incoraggiando il riconoscimento e l’acquisizione di almeno tre livelli di competenza linguistica per tutti: una lingua madre o primaria, una lingua nazionale ed una veicolare.
La promozione della diversità linguistica e culturale si accompagna ad un impegno in favore del dialogo tra i popoli, le culture e le civiltà. Diversità e dialogo, identità ed alterità sono in effetti i poli di una complementarietà funzionale che conviene assumere nella sua totalità.

Koichiro Matsuura - Photo © UNESCO/Michel Ravassard

Malgrado esistano esempi di buone pratiche in varie parti del mondo, continua Matsuura, il multilinguismo appare più come un ideale che come una realtà tangibile. Più del 50% delle 6000 lingue parlate nel mondo rischiano di scomparire ed il 96% delle stesse sono parlate dal 4% della popolazione mondiale.
Meno di un quarto di tutte le lingue esistenti sul nostro pianeta è utilizzato a scuola e nel ciberspazio e solo sporadicamente. Sono poco più di un centinaio le lingue a cui è stato dato un posto di onore nel sistema educativo ed in quello pubblico e meno di cento sono presenti nel mondo digitale.
Koichiro Matsuura conclude ricordando la situazione linguistica del continente africano, in cui si parla un terzo delle lingue del mondo. Nonostante siano perfettamente dominate dai gruppi di popolazioni che le usano quotidianamente nel loro modo di esprimersi, la maggior parte di esse non sono per niente utilizzate nel settore educativo, amministrativo, giudiziario ed in quello della stampa.

tags esterni:,

fappening.pm milana vaytrub naked kendall jenner nude jessica biel the fappening olsen twins topless larsa younan nude draya michele nude becky g naked miley cyrus legs spread kate beckinsale tit nicki minaj fappening erin cummins nude leanna decker topless iskra lawrence hot boobs emma stone ass erika jordan photos yasmine elmasri nude anna kendrick leak kim kardashian nude uncensored pic for love magazine vagina nudes